Fondi UE per il restauro del castello di Frangipane

Scritto da Andrea Marsanich, «Il Piccolo», 18/02/14
VEGLIA – Denaro europeo per la salvaguardia di due monumenti storici nella Regione del Quarnero, il castello dei Francopani o Frangipane di Portorè (Kraljevica) e la Torre austriaca posizionata nel maniero dei Francopani di Veglia città. I mezzi stanziati grazie al progetto Hera, nell’ambito della collaborazione transfrontaliera adriatica (IPA Adriatic CBC), ammontano a 8 milioni e 800 mila euro, di cui 473 mila euro a fondo perduto saranno destinati alla Contea litoraneo–montana, che ha Fiume per capoluogo. Questa somma costituirà, così da Palazzo regionale a Fiume, l’85 per cento dei mezzi complessivi da investire nel restauro dei due castelli che anche i turisti stranieri, soprattutto gli italiani, conoscono bene. A Portorè i visitatori potranno beneficiare di una mappa virtuale, che li porterà a conoscere tutti i castelli dei Francopani presenti nella regione quarnerina, come pure la storia di questa nobile e potente famiglia romana, stanziatasi probabilmente nel XII secolo nelle regioni orientale dell’Adriatico. Per quanto concerne la rocca vegliota, questa fu costruita a partire dal 12esimo secolo quale difesa dell’antica città, con i lavori che andarono avanti – ristrutturazioni comprese – per tre secoli ancora. La torre austriaca si trova nella parte sudorientale del complesso ed ha probabilmente preso questo nome in base all’ultimo restauro, portato a compimento ai tempi dell’Impero austroungarico. Data la sua posizione, viene ritenuta una specie di garitta di vedetta. La sua parte superiore comprende una finestrella romanica da cui si osserva il mare, mentre sul lato ovest c’è una porta murata che anticamente consentiva alla guardie e ai soldati l’accesso ai bastioni. Il maniero appartiene alla Diocesi di Veglia e solo in tempi recenti è stato finalmente aperto ai visitatori. Secondo gli addetti ai lavori, questo complesso offre notevoli opportunità turistiche, finora scarsamente sfruttate.